Comune di Mazzano Romano | Sito istituzionale

Museo Civico Archeologico Virtuale di Narce
Piazza Giovanni XXIII (ex edificio scolastico)
00060 - Mazzano Romano
tel. 06 9049001

 
Orari di Apertura: venerdì, sabato e domenica dalle 9,00 alle 13,30 e dalle 15,30 alle 19,00
Ingresso 2€, ridotto 1€
Operatori Museali: Associazione Culturale “Amici del MAVNA”
Direzione Scientifica del Museo: Dott. Cerasuolo
 
Sito internet del museo www.mavna.it 
 

 
Il museo
 
Il 28 settembre 2012 (D.C. n. 21) è stato istituito a Mazzano Romano il Museo Civico Archeologico-Virtuale di Narce (MAVNA).Il MAVNA nasce per favorire il “ritorno virtuale” delle antichità conservate nei diversi musei europei e internazionali provenienti dal sito archeologico di Narce. Una parte dei materiali rinvenuti nella campagne di scavo tra il 1889 e il 1902 non fu acquistata dallo Stato, ma venduta sul mercato antiquario. Nel corso del secolo scorso è stato possibile rintracciare parte dei materiali provenienti da Narce nelle collezioni di istituzioni museali europee (il Danish National Museum a Copenhagen, il Muséedu Louvre a Parigi e il BritishMuseum a Londra) e degli Stati Uniti (il Pennsylvania Museum of Archaeology and Anthropology a Philadelphia, il Chicago Field Museum, lo Smithsonian National Museum a Washington). Il MAVNA, secondo specifici accordi con le diverse istituzioni museali internazionali ospitea le ricostruzioni virtuali dei corredi dispersi oggi nel mondo. La virtualità comprenderà riproduzioni di materiale archeologico, elementi architettonici della città antica, filmati di ricostruzione, documenti d’archivio digitalizzati – taccuini di scavo, disegni di materiale archeologico – filmati d’epoca, realtà 3D, scenari e paesaggi di Narce.
La nascita di un museo a Mazzano Romano, nel luogo originario di provenienza, costituisce per queste istituzioni l’occasione per testimoniare il possesso legale dei corredi esposti e di segnare la differenza con i tanti musei stranieri costituiti su collezioni acquistate o esportate illegalmente. Il MAVNA, al di là dell’interesse scientifico che ne ha motivato l’istituzione, è nato anche con un forte connotato civico. Purtroppo, già a partire dai primissimi anni del Novecento si interruppe la stagione degli scavi ufficiali delle necropoli e cominciò quella che può essere definita una progressiva devastazione del patrimonio culturale mazzanese e calcatese, operata dagli scavatori clandestini. Il MAVNA nasce infatti anche per costituire il fulcro locale delle iniziative di valorizzazione sul territoriodelle antichità falische, costituendo l’occasione preziosa di disincentivare culturalmente le pratiche illecite, contribuendo a formare i cittadini e soprattutto le nuove generazioni al rispetto e alla tutela del patrimonio culturale e specialmente dei beni archeologici. Un museo che sia anche, allo stesso tempo, un centro informativo territoriale ed extra territoriale dedicato alla cultura falisca, lavorando in sinergia con il Parco Regionale Valle del Treja e la Soprintendenza per i Beni Archeologici dell’Etruria meridionale, e che al contempo promuova la ricettività turistica del territorio attraverso la valorizzazione del peculiare patrimonio archeologico.
 
Il museo organizza numerose attività e laboratori, per adulti e bambini. Per conoscerle www.mavna.it.